Carrello


Justitia di Ferdinand Guillaume (Polidor) in streaming e al Cinema Ritrovato


First slide

Domenica 30 agosto al Festival del Cinema Ritrovato di Bologna, e in contemporanea disponibile in streaming sulla piattaforma cinetecamilano.it, verrà proiettata la copia proveniente dall'Archivio della Cineteca di Milano del film JUSTITIA (1919) di Ferdinand Guillaume (alias Tontolini alias Polidor), che negli anni Dieci del Novecento fu uno dei grandi comici della storia del cinema. La serie di tre lungometraggi con Astrea e Birillo da lui scritti, diretti, interpretati e prodotti – Justitia, L’ultima fiaba e I creatori dell’impossibile,  probabilmente perduto – fu il suo ultimo omaggio al cinema muto. 

La protagonista è Astrea, la maciste donna del cinema italiano. Justitia, un film "all'americana", raggiunge la compiutezza nella mescolanza di elementi di comicità tradizionali ad una storia avventurosa e ad alcuni elementi drammatici. Guillaume accantona il personaggio di Polidor che lo ha reso famoso, per fare da comprimario alla protagonista del film, la esuberante Astrea, una maciste in gonnella, anticonformista e dalla forza sovrumana, che ha l'obiettivo di sconfiggere i potenti e difendere i deboli della terra dai soprusi. Astrea spacca una catena con la sola forza delle braccia, prendere a cazzotti dei brutti ceffi su un ponte levatoio in movimento, si lancia in inseguimenti serrati su una macchina incendiata, sconfigge il nemico levandosi al grido di "Justitia!". Se Astrea è un'eroina anticonformista tutta da riscoprire, il film rappresenta un tentativo di portare una ventata di freschezza e novità espressiva nel panorama del cinema italiano degli anni '20.  

Il restauro "in progress" è stato effettuato a partire dall'unico nitrato imbibito sopravvissuto e conservato presso la Cineteca di Milano, integrato con una copia in acetato risalenti agli anni '80.  Il metraggio finale misura 1350 mt. a fronte dei 2095 mt., dichiarati nel visto di censura.